Salone Updates: The Natural Circle, il luogo del design eco-sostenibile è sempre Cascina Cuccagna, ecco le immagini

Print pagePDF pageEmail page

Cascina Cuccagna, Milano

Arriva alla sesta edizione Good Design –The natural Circle, l’evento del Fuori Salone ospitato negli spazi di Cascina Cuccagna, che mette al centro della ricerca dei designer ospitati il dialogo tra natura e tecnologia. Cascina Cuccagna rappresenta già di per sé un posto suggestivo, e particolarmente prezioso per Milano, grazie anche e soprattutto a una speciale atmosfera che si respira all’interno del cascinale restaurato da Rezzi Bardeschi. Ma l’eccezionalità di questo spazio è amplificata dalla mostra, che fino a inizio maggio occuperà gran parte degli spazi della cascina creando un dialogo estremamente interessante. Di grande spicco, al piano terreno, l’opera di Paola Sommaruga Pensiero Circolare, “un processo di idee finalizzate allo sviluppo di una coscienza responsabile nei confronti dell’ambiente e dell’essere umano”. Interessante e decisamente innovativo lo spazio occupato da Made a Mano con Notturno Siciliano, progetto che si basa su delle piastrelle con una speciale rifinitura fosforescente.
Salendo al primo piano della Cascina troviamo due stanze occupate da designer olandesi quali Pepe Heykoop, con vasi realizzati in pelle e resina, Marjan van Aubel con un tavolo realizzato con schiume speciali e Bernotat&Co, che realizza lampadari a forma di batteri con proprietà fluorescenti. Senza soluzione di continuità si succedono lavori basati sul recupero del luogo cantiere come quelli effettuati da De+Craft, per passare a lampade realizzate da Johannes Hemann con tronchi d’alberi pressate in uno stampo a forma di cono, continuando con una sala con uno bosco di luce realizzata da Foscarini. Degni di nota anche le opere realizzate da Tuomas Markunpoika e dal gruppo Smarin. La mostra alla Cascina Cuccagna, tuttavia non si ferma solo alle opere esposte: durante tutta la durata delle esposizione sono in calendario diversi eventi, come le numerose perfomance organizzate da Fika Festival, alla cui base sta l’idea di realizzare momenti di dialogo e condivisione e la performance di Tiziana Cera Rosco, Patientia. Outolab, invece, parteciperà alla mostra con l’opera Dystopia, un’opera video totalizzante, astratta e coinvolgente.

– Dario Moalli

www.cuccagna.org

 

 

Prima di commentare, consulta le nostre norme per la community