Milano Updates: il Premio Herno va alle gallerie londinesi Richard Saulton e Seventeen, il Premio Emergent alla berlin-newyorkese Mathew. A Gian Maria Tosatti il Premio Rotary

Print pagePDF pageEmail page

Galleria Richard Saulton, Premio Herno

Galleria Richard Saulton, Premio Herno

La crescita di miart – ma questa era cosa già nota – si manifesta anche in una crescita dei premi d’arte assegnati nell’ambito della fiera milanese. È infatti alla sua prima edizione il Premio Herno, destinato “allo stand con il miglior progetto espositivo, pensato, allestito e curato in tutti i dettagli come una mostra e capace di coniugare elevate componenti di ricerca, qualità e accuratezza del disegno allestitivo”. La giuria – composta da Chus Martinez, Direttore dell’Institute of Art della FHNW Academy of Arts and Design, Basel; Ute Meta Bauer, Direttore del Centre for Contemporary Art, NTU, Singapore; Marco Scotini, Direttore del Dipartimento di Visual, Performative e Multimedial Arts, NABA, Milano – ha annunciato il nome delle gallerie vincitrici della del premio: si tratta delle gallerie Richard Saulton e Seventeen, entrambe londinesi, che condividono lo stand D40 all’interno della sezione Established della fiera, e che si aggiudicano il Premio Herno, del valore di 10mila euro.

Galleria Mathew, Premio Emergent

Galleria Mathew, Premio Emergent

Non è nuovo invece il Premio Emergent, riconoscimento riservato alla galleria ritenuta più meritevole per l’attività di promozione di giovani artisti, attribuito all’interno di miart 2015 e supportato anche quest’anno dallo Studio Legale LCA. La Giuria internazionale, composta da Susanne Pfeffer, Direttrice della Kunsthalle Fridericianum, Kassel, Diana Campbell Betancourt, Direttore Artistico della Samdani Art Foundation di Dhaka e Capo Curatore del Dhaka Art Summit 2014 e 2016, e Samuel Leuenberger, Curatore, SALTS, Basel-Birsfelden, ha premiato la galleria Mathew, con sedi a Berlino e New York. “Lo stand monografico della galleria Mathew, dedicato agli artisti Amy Lien e Enzo Camacho, propone un’installazione immersiva dalla forte componente partecipativa”, recitano le motivazioni. “Con questo allestimento la galleria innesca una comunicazione a più livelli tra artigianato, ceramica sperimentale, tecnologie d’avanguardia e la tradizione della storia dell’arte”.
Dopo tre gallerie straniere, c’è un po’ di gloria anche per l’Italia: Gian Maria Tosatti è infatti il vincitore del Premio Rotary Club Milano Brera, con la sua opera esposta allo stand Lia Rumma.

Gian Maria Tosatti, Premio Rotary

Gian Maria Tosatti, Premio Rotary

Prima di commentare, consulta le nostre norme per la community