Le “Local Icons” di Alcantara e MAXXI. Souvenir contemporanei, per raccontare Roma

Quasndo il design reinventa il tradizionale souvenir. Oggetti pop, raffinati e divertenti, che al MAXXI raccontano Roma e le sue "Local Icons". Una mostra realizzata in collaborazione con Alcantara

Print pagePDF pageEmail page

Video di Alessio Lavacchi
produzione Artribune Television
per Fondazione MAXXI

Non chiamateli souvenir. Bando al kitsch, al folk, a quell’appeal perversamente lezioso che certi feticci popolari conservano, catturando anche i più insospettabili viaggiatori. L’idea parte proprio dai classici oggetti per turisti, da collezionare tra negozi, botteghe e bancarelle, trasformando il ricordo in cimelio e il carattere di una città in allegro cliché. Brutti? Spesso sì. Inutili? Sicuramente. Ma è anche questo il bello.
Oppure c’è il design. Non più souvenir, appunto. Ma creazioni originali, concepite con criterio, realizzate con materiali di pregio e confezionate con stile, da trovare solo nei bookshop dei musei e nei design store. È l’idea alla base di “Local Icons – greetings from Rome”, deliziosa mostra ospitata dal Maxxi fino al prossimo 7 giugno. Un progetto curato da Domitilla Dardi e Giulio Cappellini, nato dalla collaborazione con Alcantara, azienda italiana leader nel campo della produzione di tessuti, grazie all’omonimo materiale d’avanguardia, brevettato negli anni ’70 e oggi distribuito in tutto il mondo, per usi diversissimi: dal rivestimento di automobili ai complementi d’arredo, dallo yachting all’abbigliamento, dagli accessori all’hi-tech.

MAXXI - Local Icons -  Foto Musacchio-Ianniello. Courtesy Fondazione MAXXI

MAXXI – Local Icons – Foto Musacchio-Ianniello. Courtesy Fondazione MAXXI

Alcantara, che spesso sostiene progetti di artisti e creativi internazionali, e che ha più volte collaborato col Museo, è qui protagonista delle “local icons” di sette designer: Gentucca Bini, Lanzavecchia + Wai, Marta Laudani e Marco Romanelli, Paola Navone, Patricia Urquiola, Stefano Giovannoni, Zanellato/Bortotto. All’interno di un display vagamente felliniano, abitato da giostrine, memorie di architetture periferiche e affettuosi segni del quotidiano, questo piccolo teatro leggero racconta una storia d’ironia e romanticismo metropolitano, di qualità e ricerca, di citazioni pop e soluzioni contemporanee. Cocomeri come cuscini, carciofi over-size, sanpietrini come sculture da tavolo, taccuni-cornici per il perfetto globetrotter, paralumi che ricordano le cupole di San Pietro e del Pantheon, porta-tablet come chiusini fognari, con tanto di mitico logo “SPQR”. E poi, immancabile, la Vespa: a pois, rivestita di tessuto, agghindata di tutto punto, la mitica due ruote mette insieme cinema, design, costume e memorie urbane. Al Maxxi, il Made in Italy è in chiave local: un carosello d’autore, raccontando icone minime e immortali.

Helga Marsala

 

Prima di commentare, consulta le nostre norme per la community