ArteVisione al Museo del Novecento. In mostra a Milano le opere realizzate grazie al bando targato Careof e Sky

Print pagePDF pageEmail page

ArteVisione al Museo del Novecento

A marzo sono terminate le riprese de Il Cerchio, il lungometraggio di Luca Trevisani vincitore del secondo bando di ArteVisione, ideato da Sky e Careof per sostenere la giovane arte contemporanea. Oggi apre al Museo del Novecento di Milano la mostra – in corso fino al 19 aprile – dedicata alle opere delle prime due edizioni del bando, i cui esiti sono stati presentati ufficialmente stamattina alla scena milanese.
La luce, tema del bando 2015 come di questo stesso anno per iniziativa dell’ONU, ha trovato una peculiare interpretazione nel lavoro di Trevisani. Il film è un omaggio all’architettura modernista di Villa Girasole, edificio nel veronese in grado di seguire i movimenti solari girando completamente sul proprio asse in modo lento ma costante: “un luogo che mette in relazione luce e paesaggio”, com’ha definito lo stesso Trevisani. Il suo video , prodotto da Careof e Sky, sarà trasmesso prossimamente in prima visione sul canale Sky Arte HD.
Luca Trevisani non è l’unico protagonista della rassegna: insieme a Il Cerchio saranno esposti i lavori dei partecipanti al primo appuntamento con ArteVisione, Yuri Ancarani, Francesco Bertocco, Giuseppe Fanizza e ZimmerFrei, impegnati in una riflessione sul mezzo televisivo, dalla fase produttiva alla messa in onda.
I quattro artisti hanno indagato l’effetto della tecnologia e del culto dell’immagine sulla società odierna, proponendo nuove chiavi di lettura del presente. Anch’esse presentate in anteprima su Sky Arte HD, le opere realizzate nel corso della prima edizione sono state incluse in festival e manifestazioni internazionali, che hanno fatto conoscere i nuovi protagonisti dell’arte italiana anche oltre confine, da Parigi a New York.

Dal 10 al 19 aprile
ArteVisione
Museo del Novecento
Palazzo dell’Arengario, via Marconi 1, Milano
www.museodelnovecento.org

Prima di commentare, consulta le nostre norme per la community