Si chiama Canedicoda e vale la pena saperne di più. Arte, musica, design, performance: talento eclettico e anticonvenzionale. Ne parliamo sul prossimo Artribune Magazine

Print pagePDF pageEmail page

Canedicoda, Wings n° 78, collage di tessuto, 2013

Canedicoda, Wings n° 78, collage di tessuto, 2013

Ultimi giorni di lavoro, in attesa dell’uscita del prossimo Artribune Magazine. Rubriche, reportage, recensioni, editoriali, approfondimenti prendono forma, nell’architettura di un nuovo numero che spazia – come sempre – dall’arte al design, dal cinema al teatro, dall’editoria all’architettura, dai viaggi alla moda. E non manca il tradizionale spazio dedicato ai talenti e all’osservazione della scena artistica emergente: prezioso osservatorio curato da Daniele Perra, per fare il punto sulle energie più fresche e interessanti. Come nel caso di Canedicoda, classe 1979, cresciuto nell’entourage di Nico Vascellari, eclettico e difficilmente catalogabile. Design, moda, musica sperimentale, performing arts: attraversare tutto e con disinvoltura, nei panni del vero sperimentatore. Questa la sua caratteristica speciale. Personaggio singolare, timido, vulcanico, eccentrico, ipersensibile, lontano per natura dai riflettori mediatici: uno che ha difficoltà a definirsi “artista”. E che pure lo è. Nelle molte declinazioni del suo spirito curioso, creativo, anticonvenzionale.
Per conoscerne preferenze, gusti, passioni, ossessioni, l’intervista di Perra è una piccola guida dettagliata. A partire da quel bizzarro nome. Che arriva da dove? “Deriva da un gioco: la coda, elemento d’istintività e trasparenza, è proprietaria del cane, esempio di fedeltà”, ci spiega. E poi le t-shirt con stampe serigrafiche, le collaborazioni con lo spazio Codalunga di Vascellari, a Vittorio Veneto, gli art work per le copertine di dischi, i tanti progetti musicali, l’attività di organizzatore di concerti e quella di disegnatore di capi fashion. Anzi, anti-fashion. Ogni abito è un pezzo unico artigianale, completamente folle eppure portabile: più un’opera che un vestito. I suoi strepitosi pullover di lana, per esempio. Che definirli “collage” sarebbe persino più appropriato…

Abbonati ad Artribune Magazine
Acquista la tua inserzione sul prossimo Artribune Magazine

Prima di commentare, consulta le nostre norme per la community