Opere rubate, distrutte, perdute. Il Museum of Stolen Art le riporta in vita. Virtualmente. Il progetto hi-tech di una studentessa americana

Print pagePDF pageEmail page

Rembrandt, Cristo nella tempesta sul mare di Galilea, 1633

Rembrandt, Cristo nella tempesta sul mare di Galilea, 1633

Il 18 marzo del 1990 si compì, a Boston, uno dei più grandi e diabolici furti del mondo dell’arte. Il “delitto” perfetto colpì l’Isabella Gardner Museum: un caso ancora irrisolto, a distanza di 25 anni. Due ladri, travestiti da agenti di polizia, con la scusa di un ordine di controllo, convinsero i guardiani a farsi aprire da un ingresso posteriore. Neutralizzati nel giro di pochi minuti, i custodi finirono nei sotterranei, legati e imbavagliati per tutta la notte. I furfanti portarono via indisturbati tredici opere, fra oggetti antichi e dipinti, per un bottino del valore di svariati milioni di dollari: c’erano, fra gli altri, tre tele di Rembrandt, tra cui la Tempesta sul mare di Galilea, del 1633, il celebre Concerto a tre di Vermeer  (1658-1660), cinque disegni di Degas e il dipinto Chez Tortoni di Manet. Nessuno ha mai rintracciato i criminali, tantomeno le opere.

Un incalcolabile disastro,  che ha spinto Ziv Schneider, studentessa in Interactive Telecommunication della Tisch School of the Arts di New York, a cimentarsi con un progetto d’avanguardia. Chissà come sarebbe aggirarsi tra gli spazi del museo di Boston, fermandosi a contemplare le opere ormai disperse: questa la domanda che la giovane appassionata d’arte e di tecnologia si sarà posta mille volte. Fino al punto d’inventarsi una soluzione.
Come riportato da un articolo su Wired, da qui venne l’idea di affidarsi alla realtà virtuale: la sfida? Provare a restituire l’illusione di ammirare i capolavori smarriti, nel loro contesto originale. È nato così il Museum of Stolen Art, una galleria immaginaria che riproduce esattamente le sale, i corridoi e le pareti del museo, con tutte le opere al loro posto. Indossando degli occhiali speciali e manovrando l’apposito joystick, ci si assicura un realistico tour, accompagnati persino da una guida. Prodigi della virtualità, sovvertendo l’impossibile nel suo contrario immateriale.

Ziv Schneider - photo by Dan Friedman

Ziv Schneider – photo by Dan Friedman

Ma Ziv Schneider non si è fermata qui. E sta già lavorando a una seconda ambientazione, stavolta dedicata alle migliaia di opere e manufatti iracheni ed afghani, andati distrutti o rubati negli anni della guerra con gli Usa. Il progetto è ancora in fase sperimentale, ma l’Università ha tutta l’intenzione di svilupparlo e renderlo accessibile. E il pensiero va, naturalmente, alle ultime immagini arrivate da Mosul: l’oscena rappresaglia dell’Isis contro le antiche mura di Ninive e poi contro le sculture e i bassorilievi del Museo cittadino, racconta un’altra storia di barbarie contro la cultura e la civiltà. Altri soggetti in coda, tristemente, per il futuro Museo dell’arte perduta.

– Helga Marsala

Prima di commentare, consulta le nostre norme per la community