La cultura non è (solo) roba da grandi. Al via la seconda edizione del Festival della Cultura Creativa per under 13: apertura al Madre di Napoli con Michelangelo Pistoletto

Print pagePDF pageEmail page

Una pallamondo, protagonista al Madre

I bambini sono il futuro del Paese. Non è retorica insipida, ma il pensiero semplice e pulito dietro la scelta e l’impegno delle banche nazionali coordinate dall’ABI, l’Associazione Bancaria Italiana, di progettare e riproporre per il secondo anno di fila il Festival della Cultura Creativa. Fino al 22 marzo il festival riunisce scuole, musei, associazioni culturali e biblioteche, con più di 10mila bambini e ragazzi dai 6 ai 13 anni, sessanta città coinvolte e ottanta iniziative e laboratori che attraversano il paese da Nord a Sud, cucite assieme dal tema L’alfabeto del Mondo. Leggiamo i segni intorno a noi e raccontiamo. Nella prima persona plurale del titolo di questa seconda edizione è racchiuso l’intento, dichiarato dal presidente dell’ABI, Antonio Patuelli, di rendere i bambini protagonisti consapevoli della manifestazione e di insegnare loro ad essere cittadini attivi e responsabili – ché non è mai troppo presto – in grado di leggere il mondo, di capirlo e di raccontarlo attraverso l’arte visiva, la musica, il teatro e le altre forme della creatività.
Tra gli eventi in programma, WWW – KnoW the World with Words, che ha inaugurato il festival al Madre di Napoli con la partecipazione di Michelangelo Pistoletto. A cura del Dipartimento Educazione del Museo d’Arte Contemporanea del Castello di Rivoli, in collaborazione con il museo partenopeo e la Cittadellarte Fondazione Pistoletto, una giornata è dedicata a costruire pallemondi, strutture ispirate alla Houseball di Claes Oldenburg e Coosje van Bruggen della collezione di Rivoli. Venerdì 20 marzo, invece, a Roma, nella sede dell’ABI di Palazzo Altieri, si terrà l’incontro Reinventare l’apprendimento – Cultura e creatività tra linguaggi, metodi e azioni, a cui parteciperanno, tra gli altri, Aldo Tanchis, autore del libro su Bruno Munari, e Anna Pironti, responsabile del Dipartimento Educazione del Museo Castello di Rivoli. Confermato anche per quest’anno il patrocinio dell’UNESCO e del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo. Novità invece, la media partnership della RAI.

Marta Pettinau

www.festivalculturacreativa.it/

Prima di commentare, consulta le nostre norme per la community