Biennale di Venezia. Appunti sul Padiglione Italia

A caldo ma non troppo, alcune valutazioni sulla presentazione del Padiglione Italia curato da Vincenzo Trione per l’imminente Biennale di Venezia. Le trovate in questo editoriale di Claudia Colasanti, firma del Fatto Quotidiano e naturalmente di Artribune.

Print pagePDF pageEmail page

Vincenzo Trione

Vincenzo Trione

La maggior parte della stampa presente oggi 26 marzo, più o meno coeva all’età del curatore Vincenzo Trione e del Ministro Franceschini, esce a grappoli cicalanti, mestamente, un po’ confusa e disorientata, dalla breve conferenza stampa (concesse alla fine appena tre domande, striminzite, al pubblico).
Stavolta non si tratta di culatelli e scosciamenti sgarbiani, e tantomeno di consolidati circoli blindati white cube, o di colpi di scena mutandari. Il tono è sobrio, gli abiti scuri, la voce severa, ai limiti di un presuntuoso accademismo, sostanzialmente privo di slanci (a parte la riscoperta dell’ultracitato riscoperto cineasta Tambellini), decisamente tristanzuolo.
Non che si debba necessariamente imporre alla visione del contemporaneo – qui marchiato a fuoco con il cutugnano titolo Codice Italia – un’eccessiva spensieratezza (o con una parola in disuso, una “sperimentazione”) di intenti, ma almeno affidarle un ruolo sganciato da etichette che blindano il demiurgo moderatore istituzionale di turno dietro un muro di tematiche e di formule retoriche, prive di collegamenti visibili con gli autori selezionati.
Invece, altro che coordinatore o curatore: fra le prime urgenze di Trione c’è proprio quella di specificare la distanza fra lui, autentico “critico d’arte”, che non si riconosce nella figura del “curatore” poiché non si occupa del presente e della fenomenologia dell’oggi, bensì del “trovare elementi ricorrenti attraverso la centralità della critica d’arte”. Dunque per far affiorare questo imperscrutabile “codice Italia” e la sua “inconfondibile identità linguistica”, le parole chiave di Trione sono due: il codice genetico “che ci trasforma e collega all’esistenza” e lo stile “che si esterna attraverso il talento individuale”.

Nel suo progetto (che pareva essere privo di fondi, invece risulta nuovamente foraggiato come i precedenti, per circa un complessivo milione di euro) appaiono in fila numerose istanze: il lavoro sul concetto di ‘avanguardia’, la storia dell’arte, i frammenti del vissuto, il rimando ad altri mondi, l’archivio, l’immagine ibrida, il cinema, le periferie da riabilitare, l’ansia esistenziale e la paura della perdita della memoria. Tanti ‘pensieri e parole’, strati barocchi di appunti sparsi, per un panorama in divenire che comprende tutto e il suo contrario, esclusi – stavolta senza esaurienti giustificazioni – il rumore di fondo dell’attualità, il ‘ripiegamento’ sul presente (che dovrebbe essere centrale in una biennale nata all’inizio secolo scorso per concentrarsi sullo Zeitgeist dell’oggi) e l’allestimento liquido (che infatti dalla pianta appare squadrato e suddiviso in cellette). Se aggiungiamo i quesiti sul ‘chi siamo e da dove veniamo’ manca solo Mogol, che potrebbe elaborare un buon testo per il prossimo Sanremo.
La soluzione formale (o il fardello linguistico esistenziale) viene quindi affidata agli esiti dei quindici artisti selezionati, che forniranno due opere inedite “in sintonia col progetto”: Kounellis, Paladino (Arte Povera e Transavanguardia); due grandi isolati (?) Parmiggiani e Gioli, Tambellini come erede delle neoavanguardie del dopoguerra; Biasucci, Caccavale, Aquilanti (personalità difficili da iscrivere dentro tendenze); Beecroft (voci tra le più originali dallo scenario internazionale) e Alis/Filliol, Barocco, Migliora, Monterastelli e Samorì (artisti dell’ultima generazione).
Sui suoi stessi protagonisti, i loro mondi e opere, regionali, nazionali o identitari, sulle differenti generazioni, sulle connessioni tra il progetto e le loro singole peculiarità, Trione si sofferma poco, tranne che su Aldo Tambellini (residente a Cambridge), che descrive come artista dimenticato e vissuto ai margini, uno dei cineasti più influenti dell’Expanded Cinema. Anche il cinema e la letteratura rientrano nel progetto di Trione e arrivano (o dovrebbero) anche in forma di clip, con un video online sul sito del Padiglione girato da Mimmo Calopresti che, secondo il critico, punta a evocare il clima che si avverte nel ‘dietro le quinte’. Il video parte con l’inquadratura di una statua classica, passando sull’ingrandimento della Deposizione di Pontormo; poi zumma su mani che scalpellano, che dipingono e disegnano, sul Cenacolo di Leonardo e su Piero della Francesca. Brani di pittura inquadrati alla maniera di Carlo Ludovico Ragghianti (però nei pioneristici documentari d’arte, Anni Sessanta) di Caravaggio, Mantegna; poi Burri e Fontana e infine foto di Pasolini, dei suoi set e del luogo della sua morte.
Sul fatto che tutto ciò che il video preclude appartenga al nostro Dna nessuno nutre dubbi, ma come si collega tale didattica elementare (anche formale, da spot turistico) con gli elementi di complessità – la traiettoria di archiviazione dal passato al futuro legati ad un codice comune – richiesti ai quindici artisti?

Mimmo Calopresti

Mimmo Calopresti

Nel ribadire che il punto nodale è “il prestigio e la qualità scientifica della ricerca”, Trione viene colto di sorpresa dall’ultima domanda concessa al pubblico in sala, sul perché non si fosse focalizzato su meno presenze (nella direzione in cui operano altri ottimi padiglioni nazionali). Piccato, ha risposto: “Il mio è un punto di vista, non una collettiva. Ho una strategia critica e sono libero di sostenere la mia metodologia, le collettive non hanno logica”. Era più semplice dirlo subito, essendo comunque lecito per ogni curatore o critico d’arte nel suo libero esercizio, attraverso l’unico concetto inespresso: il ‘mio’ gusto e il ‘mio’ padiglione. Manca però ancora una parola importante, sintetica ed efficace, che non è di Trione, ma ‘mia’, in maiuscolo: CAOS.

Claudia Colasanti

Prima di commentare, consulta le nostre norme per la community
  • Quella di Trione mi pare una bella proposta trasversale di qualità e tempi, soprattutto apprezzo la freschezza di Alis/Filliol, Marzia Migliore e Francesco Barocco, la lunga coerenza di Paolo Gioli e Antonio Biaisucci, figure che operano lontano dalle solite vetrine e mondanità come professionisti di grande respiro quali Jannis Kounellis, Mimmo Paladino, Claudio Parmeggiani, sempre guardati con un certo sospetto da una parte dell’arte italiana.

    Troppo seriosi? forse è l’ora che si smettano certe eccessive banalità fatte di coriandoli e spumanti a favore di contenuti e lavoro, così si potrebbe tornare ad un respiro internazionale, che sempre si vuole senza investire le giuste risorse.

    • angelaeco

      Volgerei anche lo sguardo al discorso critico, il voler mettere in
      risalto l’idea di un progetto che si basa su una importante riflessione
      sulla memoria e sull’essere artisti nel nostro contemporaneo

    • daniela

      certo, inedita. nuova. originale. nelle ultime edizioni infatti nessun curatore aveva proposto l’attraversamento, soprattutto generazionale. infatti bisogna riconoscergli la sua novità.

  • Carla

    Ho seguito la conferenza stampa. Non mi sembra che gli organizzatori abbiano messo alcun limite al numero di domande. Piuttosto sono giunte solo domande loffie da parte dei giornalisti. Molte delle quali si ripetono ogni edizione. Se si legge l’input che di volta in volta il commissario dà ai candidati curatori del padiglione italiano, si evince che è difficile ipotizzare la scelta secca di un
    solo nome. Quanto poi ai finanziamenti, invece di chiedere i costi complessivi, peraltro descritti in cartella stampa, sarebbe stato più interessante chiedere se ci sia e quale sia il budget a disposizione della produzione delle opere visto che a ogni artista è stato chiesto di produrre due opere ad hoc. Mi associo infine al commento di
    doattime. Ben vengano i toni seri (non seriosi). Sono un po’ stufa di assistere a interventi ye-ye in una lingua zoppicante (n’importe laquelle) nei quali il relatore va a caccia di parole come di farfalle che volano
    troppo in alto

    • Cara Carla, parole sante…

      Poi si capisce bene che ognuno critica qualcun’altro per sostenere le proprie parti (dicesi anche interessi), come sempre poi tutti vorremmo che si facesse “sistema”

      Chissà prima o poi succederà

      d.o)))

    • daniela

      Carla, forse abbiamo partecipato a due distinte conferenze stampa, probabilmente tu sei andata a una diversa da quella di trione …

  • angelov

    Un articolo scritto
    con voli pindarici a iosa:
    la conferma scientifica che
    ancora una volta
    il medium è il messaggio
    e che la verità per arrivare a noi
    deve pagare un troppo forte pedaggio
    al giornalismo da sballo.

    • Guest

      lirismo primaverile?

    • La primavera fa sbocciare la poesia