Arte pubblica all’Aeroporto Marco Polo di Venezia. In anteprima su Artribune le immagini del progetto vincitore, degli scultori Giacomo Tringali e Massimo Mazzone

Print pagePDF pageEmail page

Slancio, il progetto vincitore di Giacomo Tringali e Massimo Mazzone

Nel 2012la SAVE Aeroporto di Venezia Marco Polo, Tessera, bandì un concorso internazionale per la collocazione di una scultura di arte pubblica nell’aeroporto veneziano. Tra i molti partecipanti, nel 2013 furono individuati dalla Commissione incaricata dieci finalisti tra artisti e architetti, ovvero Giacomo Tringali e Massimo Mazzone, Ogata Yoshinobu, Riccardo Cordero, Giancarlo Marchese, Claudio Capotondi, Vittorio Gentile, Sergio Capellini, Arturo Vittori e Andrea Voegler, Antonio Follina, Antonio Caselli.
Ora il concorso è giunto a pronunciare il suo verdetto, e il progetto vincitore è risultatoSlancio, di Tringali – Mazzone. Un concept che si incentra sul tema del lavoro, oltre che naturalmente sul tema del volo; una “scultura costruita”, non modellata né scolpita, che si inserisce nello spazio funzionale architettonico rispettando l’atmosfera lagunare, ricordando la traiettoria di un aereo in fase di decollo o di atterraggio, ma anche un aratro o una forcola, riallacciandosi alla memoria agricola del Veneto e alla tradizione marinara e artigianale veneziana. Un prisma triangolare in acciaio COR-TEN A, ad andamento curvilineo, spiraliforme, tendente all’elicoidale, per un’altezza di 9 metri. Impreziosito, nelle ore serali, da due fasci di luce, calibrati e direzionati, che ne enfatizzano la linee.
L’equipe vincitrice è composta dagli scultori Giacomo Tringali (già vincitore del concorso pubblico Biblioteca di Cles, Trento) e Massimo Mazzone (Docente di Tecniche della Scultura all’Accademia di Belle Arti di Brera, in qualche occasione firma di Artribune), oltre che dall’ingegnere Andrea Imbrenda, vincitore 2014 negli USA degli Excellence in Structural Engineering Award del Nacional Council of Structural Engineers Associations), dall’architetto Federico Dl Brun, che ha curato la grafica e l’illustrazione, degli architetti di AIR, che hanno curato la modellazione 3D del manufatto, da Osvaldo Tiberti e Michele D’Agostino che hanno seguito i modelli in metallo, da Emiliano Coletta, Laura Cazzaniga, Alessandro Zorzetto, Giulia Mazzorin.
La scultura sarà ultimata e installata entro la fine del 2014 nell’aiuola antistante l’imbarco passeggeri del Marco Polo. Nel frattempo si è svolta una presentazione il 13 settembre a Roma, presso lo Studio AIR Architects in Rome: ne vediamo alcune immagini, assieme al progetto premiato…

– Arianna Saroli

 

 

Prima di commentare, consulta le nostre norme per la community