Sky Arte updates: la guerra civile in Congo, la Cina ottocentesca e i paesaggi dell’indimenticabile Sergio Larrain si contendono a Londra il KKF Book Awards. Ecco la short-list che concorre al premio per il miglior libro fotografico dell’anno

Print pagePDF pageEmail page

Un'immagine da "History of Photography in China: Chinese Photographers 1844-1879"

Un’immagine da “History of Photography in China: Chinese Photographers 1844-1879”

Un lavoro squisitamente di ricerca, quasi archivistico, a raccogliere la memoria di un passato remoto; l’indagine, sublimata attraverso un inedito filtro estetico, di una pagina di cronaca recente tra le più dolorose; infine la retrospettiva su una grande firma del Novecento, maestro dalla sensibilità unica e raffinata. Tre visioni differenti per i tre finalisti del KKF Book Awards, nuova edizione del premio con cui dal 1985 la Kraszna-Krausz Foundation sceglie la miglior pubblicazione di fotografia dell’anno, cui va un riconoscimento di 10mila sterline. Un contest associato al prestigioso Sony World Photography Award, come tale assegnato in quel di Londra la prossima fine di aprile. Comunicata lo short list da cui emergerà il progetto vincente: partendo dall’History of Photography in China documentata da Tony Bennett per l’editore Bernard Quaritch, con una raccolta di immagini del Celeste Impero che risalgono al periodo compreso tra 1844 e 1879. Sceglie un filtro a infrarossi che bagna l’atmosfera nelle gradazioni del rosso e del rosa, creando un effetto straniante, ampiamente drammatico: è la cifra narrativa che sceglie Richard Mosse per The Enclave (l’editore è Aperture), album che testimonia un reportage lungo tre anni nelle pieghe della mia sopita polveriera della Repubblica Democratica del Congo, perennemente massacrata dalla guerra civile. Chiude il rooster la retrospettiva che Thames & Hudson dedica a Sergio Larrain, compianto Vagabond Photographer.
Vive nel rapporto con la settima arte la sezione parallela del KKF Award dedicata al cinema: in “finale” Movin Innovation di Tom Sito, che per i tipi della MIT Press documenta la storia della dell’animazione digitale; ma anche l’amarcord con cui Luke McKernan evoca il pioniere della documentaristica Charles Urban e il libro che vede Thomas Doherty censire i film di propaganda anti-nazista nell’America degli Anni Quaranta.

Il sito di Sky Arte è powered by Artribune, che ne cura contenuti e interfaccia digitale. Scoprite a questo link le novità di palinsesto e le news che arricchiscono il portale del primo canale televisivo culturale italiano in HD…
www.arte.sky.it


Prima di commentare, consulta le nostre norme per la community