Uno sguardo ai giovani under 35, uno alla fotografia contemporanea: fa a gonfie vele il Premio Francesco Fabbri per le arti contemporanee, che proroga le iscrizioni al 23 settembre

Print pagePDF pageEmail page

 

Villa Brandolini a Pieve di Soligo, sede della mostra collettiva

Villa Brandolini a Pieve di Soligo, sede della mostra collettiva

Sarà per i prestigiosi patrocini, come quelli della FIAF (Federazione Italiana Associazioni fotografiche) e del GAI (Giovani Artisti Italiani). Sarà per le garanzie assicurate da una giuria allargata, nella quale il curatore Carlo Sala ha chiamato critici e curatori di fama, da Antonio Arévalo ad Andrea Bruciati, Martina Cavallarin, Stefano Coletto, Filippo Maggia, Luca Panaro, Roberta Valtorta e Francesco Zanot. Fatto sta che il Premio Francesco Fabbri per le arti contemporanee continua ad imporsi nel novero delle migliori iniziative del Paese riservate ai giovani artisti.
Tanto che l’ottimo successo di iscrizioni ha incoraggiato i promotori a prorogare le iscrizioni alla prossima edizione al 23 settembre: nel mese di ottobre la giuria si riunirà per decretare i vincitori assoluti delle sezioni, che riceveranno un premio acquisto, che quest’anno ammonta a 5mila euro. Il Premio è suddiviso in due sezioni, la prima dedicata agli autori emergenti che non abbiano superato i 35 anni di età, che potranno partecipare attraverso ogni forma creativa visuale, dalla pittura alla scultura, dall’installazione alla fotografia, dalla video arte alla performance, fino al disegno e alla grafica, senza limitazioni nel linguaggio. La seconda sezione è rivolta alla fotografia contemporanea in linea con l’azione di Fondazione Francesco Fabbri, promotrice di F4 / un’idea di fotografia, festival dedicato alla fotografia moderna e contemporanea.
Le opere finaliste saranno esposte a Villa c a Pieve di Soligo, nel trevigiano, dal 30 novembre al 22 dicembre 2013 e durante il vernissage saranno proclamati i vincitori alla presenza degli operatori, della stampa e del pubblico.

www.fondazionefrancescofabbri.it

Prima di commentare, consulta le nostre norme per la community