Mutina. Design d’autore al potere

Patricia Urquiola, Roberto Dordoni, Raw Edges, Tokujin Yoshioka, Barber & Osgerby, Ronan & Erwan Bouroullec: empireo del design o sublime agiografia, scegliete un po' voi. O, ancora, una scelta imprenditoriale irrevocabile: produrre solo design d'autore.

Print pagePDF pageEmail page

Mutina

Mutina

Design d’autore non significa necessariamente un design firmato, quanto un design di ricerca. La differenza? Fosse la moda sarebbe Margiela, siccome è design parliamo di Mutina, realtà di punta del distretto emiliano della ceramica, dal 1996 orientata ad anticipare il gusto di clienti sofisticati con prodotti che fanno dell’innovazione formale e tecnologica non solo un imperativo etico, ma anche una nicchia di mercato fruttuosa.
E se il rinnovamento di un genere si fa anche a partire dalla consapevolezza teorica e culturale – la cura del dettaglio professata da Mies, la pittura a campi di colore di Rothko, i lavori di Hiroshi Sugimoto – la pratica si concretizza in collezioni dal forte substrato materico, che spiccano per un decorativismo sobrio sempre ispirato da un concept. Come Déchirer, superfici che si impregnano di storia e memoria quasi si trattasse di fossili, o Pico, grandi lastre che traducono in rivestimenti la lezione sul calcestruzzo di Le Corbusier.

Mutina

Mutina

Tutti prodotti, questi, che non sanno prescindere da un approccio sinestetico: se prima vediamo i colori non colori, giocati inevitabilmente sulle sfumature del neutro, dopo vogliamo toccare le piastrelle, percependone i rilievi delle texture, fino a scoprirne le inedite tridimensionalità.

Giulia Zappa

www.mutina.it

Articolo pubblicato su Artribune Magazine #12

Abbonati ad Artribune Magazine
Acquista la tua inserzione sul prossimo Artribune

Prima di commentare, consulta le nostre norme per la community