L’art weekend di Pasqua? Si passa in Maremma. Con i paesaggi da collezione di Capalbiofotografia 2012

Print pagePDF pageEmail page

Luigi Ghirri

Natale con i tuoi, Pasqua a Capalbio. Potrebbe essere uno slogan adatto alla perla balneare della Maremma, utile forse a scrollarsi di dosso l’aura di posto “giusto” solo per i politici da spiaggia. E da rotocalco. Già, perché proprio alla vigilia di Pasqua, si inaugura la quarta edizione di un festival che si è ricavato in così breve tempo uno spazio di influenza negli eventi primaverili. Molto del merito va certamente a Marco Delogu, che Capalbiofotografia – questo è il festival di cui si parla, ospitato da Il Frantoio – l’ha inventato e lo cura assieme ad Alessandro Dandini de Sylva.
L’edizione 2012 – titolo Collecting Landscapes – è dedicata alla tradizione della fotografia di paesaggio nel collezionismo, con particolare attenzione alla scuola americana (Joel Sternfeld, William Eggleston, Tim Davis e Alec Soth) ed alla scuola italiana (Luigi Ghirri e Olivo Barbieri). Occhi puntati anche sul decennale della Commissione Roma, unico esempio di città nel mondo che incarica i più grandi nomi della fotografia internazionale di ritrarla in totale libertà interpretativa (nella mostra collettiva immagini realizzate da Martin Parr, Guy Tillim, Olivo Barbieri e Tim Davis). Alla collettiva principale si affianca un gruppo di lavori sul paesaggio italiano, con una selezione di autori (Cesare Fabbri, Fabio Barile, Federico Covre, Francesco Neri e Michele Cera) a cura di Documentary Platform.

Inaugurazione: sabato 7 aprile 2012
Dal 7 al 28 aprile 2012
Via Renato Fucini 10 – Capalbio (Gr)
www.capalbiofotografia.com


Prima di commentare, consulta le nostre norme per la community